Alimentazione2018-12-07T07:33:36+00:00

Project Description

Alimentazione

Alimentazione

I principali gruppi di alimenti

I principali gruppi di alimenti
Per guidarci nella scelta giornaliera delle combinazioni alimentari, gli esperti hanno suddiviso gli alimenti in sei sezioni:

Pasta, pane, patate, riso e cereali(carboidrati) devono essere assunti ogni giorno. I carboidrati sono, infatti, i nutrienti di base dell’alimentazione; sono una fonte energetica di pronto consumo ed in caso di eccesso di calorie vengono convertiti in grassi.

Carne, pesce, uova sono formati da proteine animali da cui ricaviamo gli aminoacidi che sono i costituenti fondamentali di molecole importanti come enzimi ed ormoni e sono essenziali per la formazione dei muscoli. Bisogna alternarne e moderarne il consumo, prediligendo le carni bianche ed il pesce, il quale è ricco di particolari acidi grassi polinsaturi detti “omega tre” la cui funzione protettiva contro le malattie cardiovascolari è stata messa in evidenza da tempo.

Anche i legumi, sia freschi che secchi (proteine vegetali), non dovrebbero mai mancare nella dieta, ricordando che quelli freschi, rispetto ai secchi, hanno un contenuto di acqua molto superiore e quindi a parita di peso hanno anche un contenuto proteico e glucidico inferiore e, di conseguenza, anche un valore calorico piu basso. I legumi sono alimenti ricchi di energia e ottime fonti di proteine: quelli secchi ne contengono una quantita all’incirca pari o anche superiore a quella della carne, anche se di minore qualita, a meno che non vengano associate a quelle presenti nei cereali. I legumi, inoltre, contengono pochi grassi e molta fibra alimentare, capace di controllare i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue.

Latte, yogurth e formaggi si caratterizzano per l’apporto di proteine di elevata qualita biologica, di alcune vitamine e di calcio. La presenza di latte e dei suoi derivati nella dieta è indispensabile per l’equilibrio e la adeguatezza della razione alimentare.

Frutta, verdura ed ortaggi non devono mai mancare; sono alimenti a basso contenuto calorico e ad elevato volume e quindi anche ad elevato potere saziante. Contengono, inoltre, notevoli quantita di minerali (sostanze inorganiche che svolgono nell’organismo importanti funzioni partecipando a processi vitali e alla regolazione dei liquidi corporei), vitamine (sostanze organiche indispensabili in piccole quantita per facilitare e consentire lo svolgimento di processi metabolici) e di antiossidanti plasmatici che neutralizzano i radicali liberi dell’ossigeno, responsabili del processo di invecchiamento. Le porzioni di frutta si possono consumare durante la giornata anche fuori pasto ed è importante ricordare che la frutta raggiunge il massimo delle sue qualita gustative e nutritive alla piena maturita: è quindi consigliabile consumare preferibilmente frutta di stagione.

Condimenti, alcool e dolci sono alimenti di cui è necessario limitare il consumo al minimo indispensabile. I cibi ricchi di grassi sono piu palatabili, richiedono meno masticazione ed inducono senso di sazieta meno rapidamente. I grassi partecipano a funzioni indispensabili per la vita quali il trasporto delle vitamine liposolubili (A, D, E e K) ed il mantenimento della corretta temperatura corporea. Sono nocivi solo quando vengono assunti in eccesso: una corretta alimentazione prevede che i grassi costituiscano non piu del 30 % dell’apporto calorico complessivo. Per quanto concerne i condimenti è da preferire sempre il consumo di oli vegetali, in particolare di olio extravergine di oliva, mentre burro e margarina sono ammessi saltuariamente. Il vino non è necessario, ma è accettabile, specialmente il vino rosso, ricco di antiossidanti: per chi ne fa uso abituale si raccomanda un bicchiere di vino a pasto per gli uomini ed uno al giorno per le donne.

Ciascun gruppo deve essere presente nella nostra dieta in modo proporzionato, poiché una alimentazione equilibrata è data non solo da un corretto apporto calorico, ma da un’adeguata ripartizione dei gruppi alimentari. Nessun alimento è indispensabile e nessuno va escluso. E’ fondamentale un equilibrato e moderato impiego delle varie categorie di alimenti a nostra disposizione.

Rischi di una cattiva alimentazione

L’assunzione errata di alimenti, sia nella quantita che nella qualita, puo essere uno dei fattori principali nella determinazione di stati patologici quali:

  • Ipertensione arteriosa
  • Malattie dell’apparato cardiocircolatorio

  • Sovrappeso e obesita

  • Malattie metaboliche (aumento colestero e trigliceridi ematici)

  • Diabete tipo 2

  • Osteoporosi

  • Litiasi biliare e steatosi epatica (fegato grasso)

  • Carie dentarie

  • Gozzo da carenza iodica

  • Alcune forme di tumori

Il rischio obesita, in particolare, è determinato oltre che da un eccesso di calorie introdotte, rispetto a quelle consumate, anche da uno stile di vita sedentario.